fbpx
Palmieri Studio

Gli errori da evitare – quinto errore

A che serve un giardino?
A niente, si potrebbe rispondere.
Anzi, è proprio il non avere alcun fine pratico che differenzia il giardino dall’orto, il parco dal frutteto.
Non avere alcun fine pratico non vuol dire però essere inutile.
Al contrario.
Come l’arte, il giardino è nutrimento per l’anima, ovvero per ciò che di più profondo è in noi e che ci caratterizza in quanto esseri umani.
Vivere il giardino non cambierà niente esteriormente, ma cambierà tutto dentro di noi.

Il quinto errore da evitare nel giardino, è quello di non viverlo.

Perché spendere per un giardino? Soltanto per avere un bel quadro da guardare dall’interno di casa, o da far vedere ai vicini?

E’ certo che il giardino, che non risponde a logiche utilitaristiche, deve essere bello, o non ha ragion d’essere.

Provare gratificazione ammirando il nostro giardino è sicuramente un’importante fonte di soddisfazione.

Perfino considerare il giardino come elemento che comunichi agli altri il nostro status, è più che legittimo.

Ma non può essere tutto qui. Investire sul nostro giardino sarà proficuo solo se esso cambierà in parte il nostro modo di vivere.

Il giardino, se è ben progettato, deve portarci a trascorrere più tempo all’aperto, a recuperare il contatto con la natura e con i suoi ritmi.

Se è grande, deve spingerci a passeggiare e a scoprire angoli nascosti e inaspettati.

Se è piccolo, deve comunque contenere un angolo di cui prendersi cura, in cui mettere a dimora fioriture stagionali o piccoli frutti.

Se possibile il giardino deve includere un piccolo orto, in cui far crescere i nostri ortaggi e in cui trascorrere qualche ora insieme ai nostri cari, soprattutto lavorando con i nostri bambini.

Se stiamo in giardino, se ci abbandoniamo al ritmo lento della natura, se torniamo a toccare la terra e le piante, impariamo di nuovo a sentire e a guardare con occhi nuovi.

Ecco allora la quinta regola da seguire: vivere il giardino e animarlo con la nostra presenza. Solo così lo ameremo e diventerà veramente parte della nostra casa.

Continua a Leggere