fbpx
Palmieri Studio

Il progettista del verde

Chi è il progettista del Verde? Qual è esattamente il suo ruolo e perché bisognerebbe rivolgersi a questa figura?

Alcune delle definizioni che si danno di questa professione possono aiutarci a fare chiarezza.
Definizioni come Architetto paesaggista o Progettista del verde rimarcano la preminenza della progettazione del giardino, esattamente come avviene per l’architettura di edifici.

In quest’ottica, il giardino è prima di tutto uno spazio frutto di una chiara idea progettuale e pensato in relazione alle persone che lo abitano.

Il progetto è infatti assolutamente necessario per definire la disposizione delle aree nel giardino, la modellazione del terreno richiesta, le piante da utilizzare, gli impianti necessari, e così via.

Senza l’apporto di rilievi accurati, disegni tecnici, rendering e filmati che illustrano quale aspetto avrà l’opera finita, non ci si può rendere conto né del risultato finale, né delle operazioni richieste per la realizzazione, né tantomeno dei costi che si andranno ad affrontare.

Quindi l’architetto paesaggista è colui che dà vita ad uno spazio architettonico trasposto all’esterno, utilizzando mezzi specifici ed a volte diversi da quelli dell’architettura classica, primi fra tutti la movimentazione del terreno e gli elementi vegetali, ma anche l’acqua, la pietra, e così via.

Si potrebbe quindi pensare che l’architetto di edifici possa progettare anche il giardino.

Questo è senz’altro possibile, ma a condizione che l’architetto abbia una preparazione specifica nella progettazione di ambienti esterni.

È necessario cioè che conosca la Storia del giardino e i vari stili che lo hanno contraddistinto nel tempo, che sia versato nella conoscenza delle piante e dei materiali impiegati nella costruzione di spazi esterni, che sia in grado di padroneggiare tutte le problematiche operative insite nella realizzazione di parchi e giardini.

È raro che chi si occupa di edifici possegga anche un’approfondita conoscenza degli elementi che abbiamo citato e quindi è improbabile che il Progettista del Verde sia lo stesso Architetto che ha progettato la nostra abitazione.

Altre definizioni della professione, come ad esempio quella di Garden designer, sono invece più vicine al modo di intendere il giardino in ambito anglosassone.

Rimandano cioè al concetto di decorazione di spazi, alla ricerca di una determinata atmosfera, traslando all’esterno ciò che l’Interior designer fa con gli spazi abitativi della casa.

Il Garden designer è così più vicino all’arredatore che all’architetto e fa scaturire il carattere del giardino soprattutto dagli elementi vegetali impiegati.

Seguendo questo approccio, rischia però di essere carente l’aspetto progettuale, per cui molto è lasciato all’improvvisazione e il giardino si riduce ad un ambiente gradevole creato seguendo il buon gusto, spesso senza soluzioni stilistiche veramente efficaci.

È quindi evidente che sia la definizione di Architetto paesaggista, sia quella Garden designer colgono aspetti parziali di questa professione e possono dare adito a fraintendimenti.

Il progettista di giardini va infatti a posizionarsi all’intersezione fra ambiti diversi come l’architettura, l’agronomia, l’ingegneria, e sfugge alle convenzionali distinzioni fra le discipline.

Questo è conseguenza naturale del fatto che il giardino è un mondo di mezzo, che si situa al crocevia tra l’architettura e la botanica, fra il costruito e lo spontaneo, fra l’artificio e la natura.

Quindi il Progettista del Verde non è semplicemente un architetto, non è un decoratore di ambienti né tantomeno un giardiniere.

È un professionista specializzato che unisce capacità progettuali a conoscenze agronomiche e botaniche, abilità tecniche a capacità operative.

Il risultato che ci si prefigge è quello di dar vita a spazi che uniscano l’alta valenza estetica alla funzionalità e alla sostenibilità.

Il giardino infatti è un sistema vivente complesso e in continua evoluzione, non è mai finito, nel corso degli anni crescerà, maturerà e avrà bisogno di cure.

Deve quindi essere anche funzionale e gestibile negli anni in maniera sostenibile, tutelando l’ambiente e la salute di chi lo vive.

Il buon Progettista di giardini sarà quindi capace di creare un mondo intriso di sogno, vero luogo dell’anima, ma anche concretamente realizzabile e sostenibile nel corso del tempo.

Continua a Leggere